Seleziona una pagina

Adesso ti dico perché per me la maggior parte delle cose di cui sento parlare, è costituita da cazzate.

Io non è che penso che penso che la vita sia un peso, o che non dovremmo occuparci di niente.

Io penso che l’esistenza umana sia letteralmente mostruosa. Trovo orribile il fatto che noi siamo dotati di intelletto e conoscenze tali da sapere quali malattie abbiamo e come funzionano, quali sono i nostri bisogni fisiologici e perché li proviamo. Sappiamo esattamente quali processi chimici attraversano il nostro corpo e come moriremo. Sappiamo troppo, e chi sa troppo non può vivere a cuor leggero. Si dice spesso che l’ignoranza è felicità. Beh, l’essere umano è il più colto del pianeta. Trovo ripugnante come utilizziamo il nostro intelletto, trovo raccapricciante lo stile di vita occidentale, che ci costringe a lavorare 10 ore al giorno e a ritenercene soddisfatti, e tutte le altre cose che ci rendono schiavi e su cui non mi soffermo perché farei notte.

Penso che la capacità di creare le realtà intersoggettive che i nostri predecessori hanno messo in piedi, come lo stato sociale, la comunità, la famiglia, le scienze matematiche, l’economia, la politica, la moneta, il progresso scientifico e tecnologico, la medicina, la cultura, la filosofia, l’arte e lo sport, sia a dir poco spaventosa.

Certo, ci sono voluti millenni, e il singolo individuo non ha fatto che un piccolo pezzettino, ma l’insieme è formidabile. E si continua giorno dopo giorno, in ogni punto del pianeta.

Io rimango così scioccata quando riesco per un attimo a rompere il flusso della quotidianità per mettermi a considerare l’esistenza nel suo insieme, che mi fermerei e non farei più niente. E rimango ancora più scioccata quando realizzo che questa cosa enorme dovrebbe essere il centro della mia quotidianità, e non un pensiero da fare quando si ha tempo! Se, durante una di queste riflessioni a occhi aperti, qualcuno mi richiamasse alla quotidianità con qualche stupidaggine, dovrei solo gridargli in faccia:«Sto cercando di capire come funziona l’Universo, cazzo mi chiedi se ho inviato la email?!», avrei comunque ragione, no?

Io non dico che le nostre vite fanno schifo. Ma, sapendo quanto marcio c’è in tutti gli esseri umani, marcio che su larga scala determina guerre, violenza, corruzione, non crede che dovremmo occuparci di questo? Non vi sentite anche voi ridicoli a parlare dei diversi modi che esistono per cucinare le verdure?

Se mi chiedete perché allora conduco una vita medio-borghese e non mi sono ritirata su un eremo, vi dico che non è detto che non lo faccia. Oppure ho paura di essere una stupida totale, l’unica a non avere capito niente, per questo preferisco non rischiare.